Furci Siculo - "Teatro d'autore" nelle scuole di Furci e di Roccalumera

16 Dicembre 2015 -  Due sono state le rappresentazioni teatrali che si sono svolte nei locali del “Centro Diurno” di Furci Siculo. Si è esibita la compagnia “Il teatro d’Autore” di Napoli. Il primo turno, ha coinvolto i bambini della scuola primaria che hanno assistito allo spettacolo” La Favola che non c’è”: una storia che attraverso l’intrecciarsi di vicende e personaggi fantastici, ha voluto trasmettere ai più piccoli valori di fratellanza, amicizia e solidarietà, rispetto per l’ambiente e per gli altri.
Il secondo turno, ha avuto come spettatori gli alunni delle due classi quinte e tutte le classi della scuola secondaria di I° di Furci Siculo, la rappresentazione dal titolo

“ Nel Nome di Dio“ sulla vita di Don Pino Puglisi, il prete di Brancaccio, personaggio scomodo per la malavita locale, che è stato ucciso proprio perché voleva salvare dalla strada i bambini ed i ragazzi e ripristinare i valori morali, in quello sventurato quartiere, contrapponendosi alla mafia , diventata una grave piaga sociale. L’argomento per i suoi contenuti profondi, ha voluto svegliare nei ragazzi una coscienza volta verso l’importanza delle istituzioni, della funzione educatrice della scuolae delle infrastrutture culturali, importanti per la formazione dell’uomo e del cittadino.

Il giorno prima, lo stesso spettacolo teatrale è stato proposto, nei locali del “Centro Sociale Giovanni Paolo II , agli allievi della scuola secondaria di I grado di Roccalumera.

Gli alunni della Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado di Furci Siculo e della Secondaria di Roccalumera, diretta dal Dirigente Scolastico prof. Sauastita Guta, hanno partecipato numerosi ed hanno seguito con interesse quanto proposto.

L’attività rientra nelle iniziative previste dal progetto “Legalità”. Essa si è rivelata utile occasione per insegnare ai più piccoli il rispetto per gli altri e per l’ambiente e far riflettere i ragazzi più grandi su tematiche sempre attuale, come quella di avere il coraggio di contrastare comportamenti devianti e di lottare per la giustizia, elementi indispensabili per costruire un mondo migliore.

Prof. Palma Settimo